Single post
il-comune-in-tasca-con-app-comunale-app-comunali-municpium-smartphone

Il Comune in tasca non è uno slogan, ma realtà

Non basta uno slogan per rendere un Comune accessibile e smart, né basta attivare banalmente progetti che abbiano la parvenza di nuovo e digitale. Sono necessari al contrario servizi reali e una soluzione usabile, ovvero costruita per la migliore esperienza d’uso da parte del cittadino, un po’ come accade con il trucco leggero di una donna: “Quasi non si vede, nella sua perfezione, ma ha richiesto attenzione e azioni precise e consapevoli per essere realizzato”.

Avere il proprio Comune in tasca significa poter accedere a informazioni e servizi in tempo reale dal proprio smartphone o da qualsiasi altro dispositivo online, ma è indispensabile che questi contenuti siano organizzati in una soluzione progettata secondo criteri comunicativi – oltre che tecnologici – tali da inserirla produttivamente nella quotidianità del cittadino e dell’ente.

Oggi stanno comparendo app comunali e servizi per Comuni come quindici anni fa accadeva con la novità dei siti: c’è un misto bosco di progetti, ma non sempre sono chiari i risultati. I siti comunali sono poco visitati dai cittadini, perché l’accesso da computer richiede volontà e tempo maggiori, per questo le soluzioni multi-dispositivo (che danno accesso da più strumenti, compreso lo smartphone) sono la via più importante in questo momento e in futuro. Purtroppo, però, al momento vediamo app poco consistenti sui versanti della progettazione e della fruibilità. Non sorprende vederle criticate nelle recensioni dell’utenza. Altre app sono parziali, si occupano di uno o pochi servizi non coprendo quella pluralità di aree che, insieme, insistono sulla relazione Comune-cittadino. Altre ancora sono dei veri e propri progetti civetta, realizzati da società per niente specialiste di usabilità digitale o progettazione compartecipata, ma spesso ben agganciate ai Comuni per relazioni o presenze pregresse sul mercato.

Cosa fare? Anzitutto, chi amministra può analizzare, valutare e arrivare a sceglier bene, scremando le proposte incomplete, inadeguate e dichiaratamente rigettate dall’utenza. Ancora, può affidarsi a chi ha investito lavoro e passione per trovare risposte corrette a domande non sempre facili. Con Municipium abbiamo fatto questo percorso e continueremo a farlo. La soluzione è completa perché mette in un solo luogo sempre più servizi, accessibili da più dispositivi, con semplicità e chiarezza (obiettivi primari del criterio di usability). Municipium è progettata da specialisti di dinamiche interattive e comunicative, innovatori nel comparto digitale delle smart city. In aggiunta parte da un processo costruttivo compartecipato dal cittadino e dall’ente, perché siano anzitutto gli utilizzatori i protagonisti del prodotto. Dalla prima versione, fino alle future, il canale con gli utenti è la ricchezza più preziosa. Conoscendo gli enti, dalle complessità della loro organizzazione interna fino alle loro tipicità di valore, nonché ascoltando i cittadini e collaborando con essi, volevamo segnare una svolta rivoluzionaria nelle tendenze dispersive, sprecone e inefficienti che hanno caratterizzato troppo spesso le scelte tecnologiche e comunicative nei contesti locali italiani. Così, il nostro invito agli amministratori forti di visione e concretezza è aperto: in Italia, si porti ciascun Comune in tasca dei cittadini, lo si renda vicino e accessibile, al meglio e sul serio.

theme by teslathemes